L'Ebola spagnola in trattamento con siero iperimmune

7 ottobre 2014 Il paziente ha confermato ieri a Madrid come il primo infettato da Ebola oltre i confini africani, è in trattamento presso l'Ospedale III Carlos, dove ieri mattina è stata presa per l'isolamento e la quarantena lontano sembra la sua condizione è stabile all'interno della forza di gravità, ma funziona "pericolosa per la vita"

In una conferenza stampa tenuta questo pomeriggio presso il Ministero della Salute della Comunità di Madrid, i medici dell'Ospedale Carlos III di Madrid hanno confermato che "ha a che fare con il donatore iperimmuni convalescente siero, altri pazienti che hanno superato la malattia e hanno sviluppato anticorpi ", anche se il che conferma che la sua efficacia non è provata, ma è legittimo usarlo come un trattamento sperimentale, ha come sfumata Jose Ramon Arribas, capo della Sezione di Malattie infettive, Ospedale Carlos III

Il secondo riordino opzione di trattamento a cui conto è favipiravir per il trattamento, un antivirale si è dimostrato una certa efficacia nei piccoli animali infettati con Ebola

Si ricorda che il zmapp, dell'antisiero sperimentale utilizzato nei primi casi di pazienti statunitensi con infezione da febbre emorragica Ebola, è attualmente esaurito

Elenco contatti Ebola paziente sotto controllo

Al momento sono sotto il controllo della metà un centinaio di persone, circa 30 membri del personale medico che ha curato Manuel Garcia Viejo, religioso scomparso il 25 settembre dopo essere stato trasferito dalla Sierra Leone, dove era stato infettato, e circa 22 persone che hanno avevano un rischio più diretto contatto con assistente di cura infetta dopo aver trattato o esaminato presso l'Ospedale de Alcorcón (Madrid) e il suo trasporto sanitario

Salute tiene sotto stretto controllo, a sua volta altri tre casi, due dei quali sospettati marito della aiutante dell'infermiera, contatto considerata ad alto rischio perché è stato esposto al virus senza alcuna protezione; e un altro uomo, un ingegnere che è venuto a Madrid con sintomi sospetti dopo un viaggio in Nigeria, e ieri è stato isolato, che è stato sottoposto ad un primo test è stato negativo Lei è in attesa di conferma di questi ultimi risultati - il terzo caso sarebbe una infermiera, compagna del primo nel lavoro di cura per i due sacerdoti spagnoli morti di Ebola, che è andato ieri a la Paz dopo la sensazione di febbre e diarrea, ma che sembra da escludere l'infezione

Gli esperti sottolineano inoltre che la trasmissione richiede uno stretto contatto con i liquidi da un affetto, né per via aerea o "addirittura un metro passa da un paziente infetto"

14

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Nuovo commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Personaggi rimasti: 3000
captcha