Amputati i pazienti potrebbero recuperare tocco

19 febbraio 2013 - I progressi della medicina hanno permesso alle persone che hanno subito l'amputazione di una delle sue membra erano in grado di camminare di nuovo e raccogliere oggetti con l'ausilio di protesi sempre più sofisticate, ma finora non è stato possibile restituire il senso del tatto

Questo è comunque l'obiettivo di neurobiologi della Duke University, Stati Uniti, hanno messo a punto una tecnica che sostengono che i pazienti con protesi può sentire la consistenza di ciò che si tocca o percorrere Per fare questo, gli scienziati hanno usato un impianto cerebrale e segnali infrarossi, che sono stati testati in ratti

Ricercatori collocati un impianto nel cervello di animali -in zona in cui le informazioni relative al significato di tatto è trasformato e collegato ad un rilevatore di infrarossi fu poi osservato che i ratti hanno risposto in modo simile quando il senso tocco è stato simulato sensori a infrarossi, quando era un vero e proprio contatto per toccare i baffi

Il gruppo di scienziati che ha speso anni alla ricerca per le persone tetraplegici di controllare i loro arti con la mente, ha già portato ad alcuni pazienti possono spostare i loro protesi con il pensiero anche sono riusciti alcune scimmie impiegano attività elettrica nel cervello per dirigere le mani contatto virtuale con oggetti virtuali

Il nuovo studio, pubblicato in "Nature Communications", dimostra che le cellule cerebrali sono in grado di elaborare i due tipi di informazioni, causate dalla luce e che corrisponde alla direzione del tocco reale Questo suggerisce di Miguel Nicolelis , direttore della ricerca, che incoraggiano una più ampia gamma di tipi di cellule contribuiscono alla regione corticale adattarsi alle nuove fonti sensoriali

10

Commenti - 0

Non ci sono commenti

Nuovo commento

smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile smile smile smile smile
smile smile smile smile
Personaggi rimasti: 3000
captcha